UNA GIORNATA PARTICOLARE

Condivisione di un sapere d’altri tempi

Scitto dalla 2B di Boario

Mercoledì 30 maggio gli ospiti della casa di riposo Angelo Maj sono stati accolti dai ragazzi di 2 della Tovini nell’auditorium per assistere alle presentazioni dei seguenti argomenti trattati nel corso dell’anno:

-Giardini del se (2 B)

-Gita a Torino (2 A)

-Esperimenti scientifici (2 D)

-Buffet per gli ospiti (2 E)

Noi, partecipando a 6 incontri con degli esperti, abbiamo costruito un modulo idroponico, per riciclare la lana, scoprire nuovi modi del suo utilizzo, DIVERTENDOSI   ;  )

Gli anziani ci hanno spiegato il modo in cui loro riutilizzavano e lavoravano la lana, inoltre ci hanno donato un bellissimo cartellone con disegni e scritte su curiosità di questo prezioso materiale.

Entrambe le cose , sia il laboratorio che l’incontro sono state esperienze interessanti ed arricchenti dal punto di vista umano e culturale.

IDROPONICA IN LANA

Piante in verticale

Scritto dalla classe 2B di Boario

Nell’orto verticale realizzato da noi della 2B di Boario sono state piantate in verticale: pomodoro, fragole, basilico, fagioli e prezzemolo, provenienti dal nostro semenzaio.

Primo passaggio – tagliare con forbici o cesoie  i tubolari di lana  realizzati precedentemente per inserire le piante seminate inizialmente nella terra.

Secondo passaggio – inserire un po’ di terra all’ interno delle cavità create per fare adattare le piantine al nuovo substrato.

Terzo passaggio – prendere le piantine, liberare le loro radici e inserirle nei tubolari di lana.

Quarto passaggio – attivazione dell’impianto di irrigazione.

Quinto passaggio – abbiamo scoperto delle curiosità, per esempio che il pomodoro precedentemente era giallo ed è per questo motivo che si chiama “pomo d’ oro”; proviene dall’America ed è stato scoperto nel ‘500 circa.

Sesto passaggio – abbiamo scelto la distribuzione delle piante nel modulo in base a determinate caratteristiche delle piante  stesse. Ad esempio, i fagioli che crescono in altezza li abbiamo posizionati in basso e abbiamo legato con dei fili di spago, come sostegni per farli arrampicare.
Basilico e prezzemolo invece sono stati messi nella parte superiore  dei tubolari in lana, perché queste piante necessitano di più acqua.

Questo progetto è stato realizzato per il reimpiego delle nostre lane e non solo…
A noi è piaciuto moltissimo e pensiamo che abbia arricchito la nostra conoscenza e le nostre curiosità!

Salva